Palasport Pianella e centro sportivo Ipotesi di scambio Cucciago. Il 24 il primo incontro promosso dal Comune perdecidereconi cittadini il futuro urbanisticodel paese Ritorna l'idea di una permuta con l'area di via Stazione CUCCIAGO Le ipotesi sono tante, e non ce ne sarebbe una più in vantaggio di altre. L'area dell'ex palazzetto Pianella, in futuro, potrà svolgere ad esempio la funzione di deposito, avere la destinazione sportiva, oppure, un futuro possibile come un altro, una parte commerciale. In che modo? Non per forza laddove c'è il vecchio garage del tifo: in vista dei lavori preparatori del nuovo piano urbanistico - il Pgt - il Comune non esclude nemmeno, infatti, lo scambio di terreni, come già fu proposto annifa. Conia permuta tral'area Pianella, oggi privata, e il centro sportivo comunale di via Stazione, oggi pubblico. Per avere, sempre se, e nel caso, chissà, una cittadella dello sport pubblica nell'area ex Pianella. E il privato in via Stazione, alle prese con qualche realizzazione produttiva, o commerciale. L'assemblea pubblica Tutto da vedere, da capire anche il percorso che vorrà intraprendere la proprietà dell'ex palazzetto, la società della Immobiliare Lar di Figino, dietro cui vi è ilpresidente della Pallacane- stro Cantù Davide Maison. Ma, intanto, il Comune, attraverso il sindaco Claudio Mero- ni, non esclude niente. Il che non significa, rimarca il sindaco, che si sia scelto uno dei tanti futuri possibili. Anche perché, prima, con un'assemblea pubblica già lunedì prossimo, 24 febbraio - alle 21, nella sala consiliare di via Sant'Arnaldo - si inizierà con il consultare i cittadini su tutte le possibilità che potrà avere il territorio, certamente non solo il Pianella. Per i residenti, i temi importanti potrebbero essere anche molti altri. Il Comune vuole infatti incentivare le riqualificazioni degli immobili già esistenti del centro storico, solo per ricordare un altro punto, in questa prima agenda verso il nuovo Pgt. Ma, inevitabilmente, il Pianella, così come l'ex area Crae, è un tema. «Non leghiamo queste due aree solo al commerciale, di deciso non c'è proprio niente, e le possibilità sono molte di più - dice il sindaco Claudio Meroni - Tra tutte le ipotesi, ci può essere ad esempio anche un intervento unitario, con la permuta dell'area del centro sportivo co- munale con l'area del Pianella. Oppure, ambiti che potranno restare sportivi E il commerciale, se mai ci sarà, o qualcosa di produttivo, se pensiamo a dei capannoni, potrebbe essere in una zona più periferica, quale è l'area di via Stazione. Ma siamo davvero nel campo dei ragionamenti teorici». Se ne parlò già con Corrado Uno scambio tra il Pianella e il centro comunale era stato ipotizzato ai tempi della proprietà Corrado. Avrebbe permesso di avere un'area sportiva non decentrata, come oggi, bensì in centro paese. Poi si sono accavallate varie vicende. Si parlò di costruire il palazzetto a Cantù, ai tempi dell'amministrazione civica di Lavori in Corso. Se ne è parlato anche di recente, per l'area di corso Europa, dove già due palazzetti sono saltati. Messa da parte, in questi mesi, la demolizione con ricostruzione del Pianella, la Lar, come ricorda il sindaco, aveva poi formalizzato l'utilizzo temporaneo della struttura. Si era detto, tempo fa, un deposito di legname. Comunque, a Cucciago, non c'è solo il Pianella. Christian Galimberti Il Palazzetto Pianella di Cucciago, chiuso da tre anni I «Destinazione commerciale per l'area Pianella? Tutte le ipotesi sono ancora aperte» Il campo da calcio sintetico al centro sportivo comunale di Cucciago Ripensare il paese Negozi chiusi, mille idee Ce anche l'albergo diffuso Anche l'idea, in centro, del cosiddetto albergo o hotel diffuso: un'idea come un'altra, tutta da valutare, spiega il sindaco Claudio Meroni. «Me ne aveva parlato Alex Boccacci (ristoratore della Trattoria con alloggi Carlito's, ndr) ma anche qui è da capire su cosa si può puntare, in centro, dove abbiamo, al piano terra, degli spazi lasciati vuoti dai negozi. Questa è un'idea: unità ricettive diffuse, con la ricezione scomposta nei vari edifici, una zona reception, una zona colazione, un'altra per la ristorazione. Potrebbe essere qualcosa di innovativo, ma nel caso va costruito insieme anche a chi vuole cimentarsi con questa idea, ai proprietari dei vari edifici. Siamo alla fase di coinvolgimento, di elaborazione». Nell'assemblea pubblica di lunedì 24, "Cucciago 2030. Al via la progettazione del nuovo Piano di Governo del Territorio", si penserà al paese in una prospettiva futura. «Insieme parleremo del nuovo Pgt - si legge - Saremo tutti invitati a presentare idee, proposte, suggerimenti per progettare come sarà Cucciago nel 2030». Urbanistica, se non diretta, partecipata, e gal